Demolizione ponte Morandi (Genova)

Ponte Morandi demolizione

Il 28 giugno 2019 alle ore 09.37 le pile strallate 10 e 11 della parte ad est (insieme alla rampa di raccordo a cantilever Milano-Ventimiglia) del Ponte Morandi vengono abbattute con delle cariche esplosive (dinamite). Nella illustrazione ho inserito il braccio di un incursore dell’Esercito Italiano che va a tagliare con una grande forbice (in realtà si tratterebbe delle lancette dell’orologio che segna l’ora della demolizione) dei cavi che sorreggono le pile stesse; certamente gli incursori del 9° Reggimento “Col Moschin” hanno svolto una parte molto rischiosa. Nella direzione dell’operazione è stato coinvolto l’esplosivista Danilo Coppe che ha dato il segnale a Vittorio Omini, responsabile della ATI Demolizioni (la società di ingegneria torinese IPE è una delle mandanti dell’ATI). A sinistra ho invece disegnato 43 tombe, in ricordo di tutte quelle Persone le quali, ignare di ciò che sarebbe accaduto, hanno attraversato il Ponte Polcevera per l’ultima volta il 14 agosto 2018. “Se le persone che amiamo ci vengono tolte, il modo per farle vivere è non smettere di amarle” (James O’Barr – Fumettista statunitense).

Condividi