4 Novembre 2016: Festa delle Forze Armate

Festa Forze Armate 2016

Festa Forze Armate 2016

4 Novembre 2016: oggi è la Festa delle Forze Armate; ho realizzato questa vignetta con una torta celebrativa (addobbata con “candeline speciali”), trapassata da un cannone fumante, da una nave da guerra lontana e da un aereo militare carico di bombe sfrecciante nel cielo. Sicuramente il nostro non è un Paese che ama fare la guerra ma, anche se indicato nella Costituzione, si trova coivolto non di rado ad “aiutare” i paesi che lo comandano a bacchetta (Stati Uniti d’America) a partecipare a conflitti, condendo il tutto con la frase pronunciata dall’idiota di turno: “ I militari partecipano ad una Missione di Pace (aggiungo Eterna)”. Non voglio ripetermi ad enucleare quanti progetti probabilmente potrebbero essere portati avanti utilizzando le ingenti risorse di noi tutti, impiegate purtroppo per armare navi, aerei, elicotteri, carriarmati e soldati. Niente riesce a bloccare il pensiero devastante di un uomo che “deve” distruggerne un’altro, magari perchè brama ardentementei i suoi beni, le sue terre, le sue ricchezze. La nostra Esistenza dovrebbe essere portata avanti con Progetti Unici, importanti per tutti gli esseri umani, soprattutto quelli in difficoltà, condividerli a livello globale, poi trovare soluzioni ed idee grazie alla rete Internet. Troppo distanti siamo gli uni dagli altri per venirci incontro, molto di più delle costosissime navicelle che mandiamo nell’Universo per cercare acqua o per calcolare quali sostanze sono presenti in luoghi sperduti. “Ogni colpo che viene esploso, ogni nave da guerra che viene inviata, ogni razzo che viene sparato, significa, in ultima analisi, un furto a coloro che soffrono la fame e non sono nutriti, coloro che hanno freddo e non sono vestiti. Il mondo in armi non sta spendendo soltanto dei soldi. Sta spendendo il sudore dei suoi lavoratori, il genio dei suoi scienziati, le speranze dei suoi bambini”  (Dwight David Eisenhower – Generale e politico statunitense, 1890-1969).

2 Novembre 2016: ricorrono i Morti

2 novembre 2016

2 novembre 2016

2 Novembre 2016, con questa illustrazione “ricorrono” i Morti anche quest’anno. Purtroppo, a causa del tremendo terremoto che, in una serie di scosse interminabili, ha devastato (e continua a farlo) il Centro Italia, se ne sono aggiunti molti, troppi…tutti insieme, in pochi istanti. Ci si ricorda di loro, sopratutto in questa giornata, ma credo che moltissime persone abbiano sempre nel Cuore i loro cari e tutti coloro con i quali hanno trascorso gioie, dolori, emozioni, desideri, sogni. “Non è che ho paura di morire. Solo che non voglio esserci quando accadrà” (Woody Allen – Regista, sceneggiatore, attore, comico, clarinettista, compositore, scrittore e commediografo).

Halloween 2016

Halloween 2016

Halloween 2016

Ho voluto dedicare, anche quest’anno, una semplice vignetta alla Festa di Halloween che si terrà domani 31 ottobre. Il sottotitolo nasconde, più che altro, una mia speranza (ormai trasformatasi in completa disillusione), cioè quella di poter vedere sempre meno persone vestirsi da mostri, fantasmi, streghe e zombie che al contrario riconquistano il controllo del proprio Cervello, del proprio Pensiero e di Spirito Critico di fronte a ciò che non ha alcun tipo di tradizione nel nostro Paese (infatti è una festa celtica che ha subito attecchito in America), nè il gusto (considerati i costumi insanguinati che si usano in tale occasione). Spero un giorno di poter assistere con gioia al suo completo sdradicamento, con la rinascita piena di una “identità italiana” in declino (con la riscoperta ad esempio dei nostri antichi e sani valori culturali, del nostro spirito e sarcasmo fuori da tutto ciò che è politica, delle NOSTRE feste) a dispetto delle inutili ed importune mostruosità provenienti dall’estero. “Ad Halloween vestitevi da libri; la cultura a tanti fa ancora paura” (Anonimo).

Scuola Digitale

Scuola digitale

Scuola digitale

Si è giunti ormai all’inizio del nuovo anno scolastico: gli insegnanti, ormai riposati dopo un lungo periodo di lontananza dal lavoro (ma non tutti), affrontano le mille e mille necessità della Scuola. Ho voluto realizzare una vignetta (sperando che trapeli l’ironia) sulla “Scuola Digitale” perchè, andando ad osservare bene le realtà del nostro Paese, computer sono presenti nelle aule ma ben lontani da poterli considerare macchine che svolgono operazioni complesse in modo veloce, tutt’altro. Esistono progetti altisonanti ma quasi tutto resta sulla carta, sui buoni propositi e sugli artifici di una professione (cioè l’insegnante) che si sta caricando di tante problematiche che deve risolvere quotidianamente, con risorse esigue e nebulose. La scuola dovrebbe essere un luogo bellissimo; così bello che i bambini disobbedienti, per punizione, il giorno dopo dovrebbero essere chiusi fuori dalla scuola” (Oscar Wilde).

Rob-Ot

Rob-ot

Rob-ot

Trasformazione elaborata su un oggetto ancora “non ben identificato” (situato all’esterno del Museo Paleontologico di Dunarobba) che ha stuzzicato la mia fantasia. Io ci ho visto subito un robot, forse qualcun altro potrà vederci qualsiasi altra forma (umana, animale, oggettuale), chi lo sa? “La mente ama l’ignoto. Ama le immagini il cui significato è sconosciuto, poichè il significato della mente stessa è sconosciuto” (Renè Magritte – Pittore belga, 1898-1967).

Pokemon Go & Stop

Pokemon Gonzi

Pokemon Gonzi

Non vorrei aggiungere altro alla vignetta odierna, in quanto ritengo sia sufficientemente eloquente a spiegare quanta dipendenza provochi l’uso del videogioco “Pokemon Go” (scaricabile sul telefono portatile) sulle nuove generazioni e non solo. Non è di per sè tanto il fatto di effettuare giochi sul cellulare, sullo smartphone o quant’altro, quanto invece quello di dimenticare in toto la Realtà che sta intorno a noi (rispetto al gioco in questione si parla di “realtà aumentata”, ovvero l’arricchimento della percezione sensoriale umana mediante informazioni, generalmente manipolate e convogliate elettronicamente, che non sarebbero percepibili con i cinque sensi). Ho letto di persone che si sono picchiate per catturare uno dei “personaggi rari” all’interno del videogioco, che hanno creato incidenti stradali, che sono cadute in acqua o precipitate rovinosamente, recando danni a se stesse e agli altri: ebbene, tutti coloro non solo non hanno aumentato la loro percezione della realtà ma hanno diminuito drasticamente l’uso dei loro neuroni racchiusi nell’encefalo. “Prima di lavorare sull’intelligenza artificiale, perché non facciamo qualcosa per la stupidità naturale?” (Steve Polyak – Neuroanatomista e neurologo).

Estate solitaria

Solitudine

Solitudine

Una piccola finestra sull”estate… l’estate di tante persone (magari anche giovani, meno giovani e sopratutto anziane) che trascorrono i periodi più caldi dell’anno in luoghi lontani da tutto e da tutti, dimenticati, come inutili oggetti lasciati in balia del Tempo e del Destino. Forse qualcuno, anche se non presente fisicamente, ha ancora cura di loro e pietosamente gli fornisce consigli che spesso, tardivamente, mette in pratica. Abbracciamo il nostro Presente con il Cuore e con Gioia, tenendo conto del Passato come Esperienza che serve per la realizzazione di un Futuro migliore. Amiamo coloro che abbiamo vicini, i nostri familiari e gli Amici. le Persone appena incontrate ed anche i nostri Nemici. Proviamo a respirare un pò del Tempo che, fuggendo, non ci ha aspettato, non ci aspetta e non ci aspetterà. “La solitudine, è il dramma della vita per molti; e tuttavia le persone più felici che ho conosciuto, erano dei solitari” (Jacques Chardonne – Scrittore francese, 1884-1968)