Archivi del mese: Giugno 2020

Rolling S…Trump

Rolling S…Trump

I “Rolling Stones” (nella fattispecie il cantante Mick Jagger e il chitarrista Keith Richards), gruppo di musica rock di fama mondiale da decenni, hanno minacciato pochi giorni fa il presidente americano Donald Trump di ricorrere ad azioni legali se quest’ultimo continuerà ancora ad utilizzare il loro brano “You Can’t Always Get What You Want” durante la sua campagna elettorale. Quindi ho pensato ad un titolo misto tra il nome del gruppo e quello del presidente e ad una sorta di caduta di Trump in una rupe tarpea (la parete rocciosa posta sul lato meridionale del Campidoglio a Roma, dalla quale venivano gettati i traditori condannati a morte, che in tal modo venivano simbolicamente espulsi dalla città). Ogni tanto, per fortuna, qualcuno lo ridimensiona. “Poiché non si poteva trovare la giustizia, si è inventato il potere” (Blaise Pascal – Matematico, fisico, filosofo e teologo francese; 1623-1662).

Condividi

Omaggio a Milton Glaser

I LOVE NY & YIN

Il 26 giugno 2020 è scomparso all’età di 91 anni il designer newyorkese Milton Glaser, l’Autore della notissima scritta “I (cuore rosso) N Y” ovvero “I Love New York” e della Bob Dylan Pop Art. Osservando il suo logo (fu ideato nel 1977) conosciuto da decenni in tutto il mondo, ho soltanto spostato le lettere per formare l’unica parola che abbia un senso: “YIN”, che nella lingua cinese significa “nero”. Questo anche per ricordare i diversi afroamericani che, negli ultimi fatti di cronaca, non sono stati trattati proprio con i guanti “Yang” (“bianchi”) dalle forze dell’ordine statunitensi. Quindi il Cuore diventa sì di colore scuro, ma resta sempre un Cuore. “Rispetta il prossimo tuo come te stesso, e anche qualcosa di più” (Leonardo Sciascia –  scrittore, saggista, giornalista, politico, poeta, drammaturgo, critico d’arte e docente italiano; 1921-1989).

Condividi

Ustica: 40 anni dopo

USTICA 40 anni dopo

La strage avvenuta il 27 giugno 1980 (trattasi di un DC-9 Itavia che alle ore 20.59 scomparve dai tracciati radar per inabissarsi nel Mar Tirreno; a bordo c’erano 81 persone, tra passeggeri e componenti dell’equipaggio). Questo volo di linea (HI870) era partito da Bologna-Borgo Panicale e doveva arrivare all’aeroporto di Palermo-Punta Raisi, ma così non avvenne. In quel momento, secondo quanto sostenuto dal Governo, si trattò di ” abbattimento da parte di aereo non identificato in scenario di guerra aerea”. Il primo ad essere incolpato fu il costruttore dell’aereo “Itavia”, una persona serissima che dopo questa strage, deperì fino a giungere alla morte per essere stato incolpato – ingiustamente – di un “cedimento strutturale” del suo velivolo (il Ministero dei Trasporti e della Difesa sono stati condannati, dalla Corte di Appello di Roma, a pagare alla società Itavia 330 milioni di euro per il danno subito a causa del fermo della flotta aerea e della revoca della concessione successiva). Un intreccio infinito di responsabilità di persone importanti i cui nomi ancora faticano ad emergere, testimoni scomparsi uno dietro l’altro per cause sconosciute. L’Associazione parenti delle Vittime della strage di Ustica ha ottenuto, dopo anni di lotte estenuanti, che la distruzione del DC-9 è avvenuta per un“abbattimento”, non per cedimento. Dal trentennale di questa strage (che ancora ricordo bene) al quarantennale (oggi) ancora i nomi dei colpevoli non affiorano. I cosidetti “amici” Stati Alleati non collaborano come dovrebbero e i nostri politici non credo abbiano il coraggio di chiedere Giustizia per tutte quelle Persone uccise e, soprattutto, di impegnarsi per conoscere la Verità su quanto accaduto. “Ogni verità passa attraverso tre fasi: prima viene ridicolizzata; poi è violentemente contestata; infine viene accettata come ovvia” (Arthur Schopenhauer – Filosofo tedesco; 1788-1860).

Condividi

Grazie, Alex! (dedicato ad Alex Zanardi)

Grazie Alex Zanardi

Grazie, Alex…Grazie ancora; stai dimostrando ancora una volta di essere un Vero Lottatore in questa Vita che ti sottopone a sfide incredibilmente ardue. Dopo aver appreso la notizia del tuo incidente con la bici, comprendo ancora di più quanto ogni giorno di questa Esistenza, per ciascuno di noi, sia Importante. La tua drammatica esperienza precedente ti ha fatto maturare il pensiero di guardare e sfruttare ciò che si ha, senza rimpiangere o cercare ciò che non si possiede”. Ed andare avanti sempre, sfidando se stessi, sfidando il Tempo e la Storia, scrutando ogni aspetto determinante della Vita e delle Emozioni che essa ci regala. Ti prego, vinci ancora Alex, torna a guardarci con il tuo viso sorridente e parlaci con la tua voce rassicurante. Hai provato tanto dolore e sofferenza ma, nonostante tutto questo, ti sei abbandonato all’Amore per la Vita dedicandoti anche agli altri. “La maggior parte delle cose importanti nel mondo sono state compiute da persone che hanno continuato a provare quando sembrava che non ci fosse alcuna speranza” (Dale Carnegie – Scrittore ed insegnante statunitense; 1888 – 1955).

Condividi

Reception (inadatto)

Reception (inadatto)

Capiterà che molte persone, in un periodo di grandi sconvolgimenti economici legati alla pandemìa del virus Sars-Cov-2, dovranno cambiare la propria modalità di approccio al lavoro, se non cambiare totalmente attività (ammettendo che la precedente possa essere sostituita con un’altra). Nell’illustrazione ho inserito un polipo che non è particolarmente gratificato di trovarsi in una reception alberghiera a somministrare mascherine anticontagio: lui preferirebbe un posto come barman ed usare (come solo lui potrebbe fare) lo shaker per la preparazione degli aperitivi. Cerchiamo di essere elastici quanto più possibile in un mondo che, in pochi mesi, ha stravolto le dinamiche lavorative. “Beati i flessibili, perché non perderanno mai la loro forma” (Anonimo).

Condividi

Il Cielo è degli Elefanti

Il Cielo è degli Elefanti

Non è la prima volta che accade, né sarà l’ultima purtroppo. Il 27 maggio 2020 una elefantessa in cinta (il piccolino sarebbe nato tra 20 mesi) che era libera nel villaggio di Palakkad (India) porta alla bocca un ananas imbottito di esplosivo e per giorni si sposta da un luogo all’altro, con la bocca frantumata. Forse per lenire il dolore immenso si immerge nel fiume Velliyar fino a soffocarsi con l’acqua. Quando gli elefanti stanno per morire, non vogliono essere aiutati ed infatti lei si rifiuta di farsi avvicinare da alcuni degli agenti forestali (che erano stati avvisati dal 24 maggio 2020) del grande malessere che questa elefantessa dimostrava di avere. Probabilmente l’ananas non è stato messo per l’elefantessa, ma i contadini utilizzano illegalmente queste trappole mortali per scacciare o uccidere gli animali selvatici dannosi alle piantagioni. La rappresentazione fa vedere l’elefantessa che sale ma, badate bene, il cucciolo in realtà è creato dal filo del palloncino che trasporta in Cielo la madre: infatti l’elefantino non era ancora nato; la mamma lo immaginava così forse, felice e sempre vicino ma la mano assassina dell’uomo non ha consentito di farli incontrare. “Il volo ci ha regalato gli occhi degli uccelli, un punto di vista prezioso per osservare tanto mondo tutto insieme e lo scempio che ne stiamo facendo” (Le Corbusier -pseudonimo di Charles-Édouard Jeanneret-Gris, è stato un architetto, urbanista, pittore e designer svizzero naturalizzato francese; 1887 – 1965).

Condividi

Where’s Freedom?

 

Where’s Freedom?

In Minnesota, nella città di Minneapolis, il 25 maggio 2020 un afroamericano di 46 anni di nome George Perry Floyd muore all’Hennepin County Medical Center. Questa Persona ha avuto la disgrazia di incrociare sul suo cammino quattro agenti di polizia che sono intervenuti dopo una chiamata effettuata da un negoziante locale (che aveva creduto che i soldi con cui Floyd aveva pagato fossero contraffatti). Nei filmati girati da testimoni occasionali (diventati subito virali in rete), Floyd viene successivamente arrestato (preso dalla sua auto e condotto più lontano), poi bloccato a terra dall’agente di polizia Derek Chauvin il quale ha tenuto premuto il malcapitato con il suo ginocchio sul collo per quasi 9 minuti. Purtroppo, perduta conoscenza, Floyd viene portato in ospedale ma la morte (come stabilito dalla autopsia eseguita il 1 giugno 2020) sopravviene per asfissia dovuta alla compressione della vena del collo; gli altri agenti presenti hanno osservato quanto stava accadendo senza intervenire. A causa di questo gravissimo episodio dell’arresto di Floyd sono emerse proteste e manifestazioni contro gli abusi di potere delle forze di polizia. Non credo l’illustrazione di oggi abbia bisogno di altre spiegazioni; aggiungo solo che IL RESPONSABILE (insieme a tutti gli altri agenti presenti che non sono intervenuti) dovrà essere severamente punito per questo gesto vile ed ignobile. Sempre che la “Giustizia” esista ancora. “L’uomo è un animale addomesticato che per secoli ha comandato sugli altri animali con la frode, la violenza e la crudeltà” (Charlie Chaplin).

Condividi

Festa della Repubblica (2 giugno 2020)

Festa della Repubblica Italiana 2020

Domani 2 giugno 2020 è la settantaquattresima “Festa della Repubblica Italiana”; con questa immagine (eseguito solo un ricalco da una foto reale ma eseguite tutte le ombreggiature e gli effetti di movimento) ho voluto rendere omaggio alla Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN) conosciuta più comunemente come le “Frecce Tricolori”; solitamente sfrecciano nei cieli della Capitale eseguendo un passaggio prima sull’Ara Pacis e poi sopra ai Fori Imperiali. Ritengo che i Piloti di questa prestigiosa formazione vadano elogiati per la loro grandissima Formazione, per l’Impegno e per le Capacità possedute nel momento in cui si trovano alla guida di aeromobili estremamente vicini tra loro e con i quali compiono figure acrobatiche di altissimo livello. “La forza non deriva dalle capacità fisiche, ma da una volontà indomita” (Mahatma Gandhi).

Condividi
Commenti recenti