Archivi del mese: novembre 2015

Terrorismo in TV

Terrorismo in TV

Terrorismo in TV

Il 13 novembre 2015 un attacco terroristico, condotto da sette uomini all’interno della città di Parigi, ha causato 130 morti e tante altre persone ferite in modo gravissimo. Dopo l’attentato al giornale satirico, questa volta è avvenuto un passaggio in più, ovvero è stato considerato un “obiettivo sensibile” sparare su persone completamente inermi (quindi del tutto inatteso), nel momento in cui bevevano un caffè o una birra oppure semplicemente intente ad ascoltare musica e a danzare. Tutto questo perpetrato da ragazzi che hanno ucciso altri ragazzi. Un mondo orribile; a volte vorremmo non accendere più la TV che incute davvero terrore. Ma la paura non ci aiuterà. Ci servirà forse di più capire i motivi profondi di ciò che il mondo chiede, delle ingiustizie sociali, dell’espansione di alcuni popoli a danno di altri solo per ragioni economiche e geopolitiche, degli “affari sottobanco” portati avanti da molti paesi influenti, della produzione e della vendita indiscriminata delle armi. Un mondo che non si ricorda più del suo passato, un mondo che non ha memoria e che cela la testa sotto la sabbia per non vedere, non durerà molto. Ancor di più dobbiamo oggi abbandonare i nostri egoismi e fare entrare “aria nuova” nella nostra Anima, offuscata da pensieri di guerra, vendetta e conquista. “Gli uomini sono in guerra tra loro, perché ogni uomo è in guerra con se stesso”. (Francis Meehan)

Moto GP 2015

Motogp 2015

Motogp 2015

Il MotoGP si è concluso e quest’anno ha visto Valentino Rossi farsi donare un bel “biscotto” dai piloti spagnoli Lorenzo (vincitore del Moto GP), Marquez e Pedrosa che hanno condotto l’ultima gara a Valencia. Non credo personalmente nell’innocenza più che altro vaga e inconsistente dei primi tre; certo è che è stato visibile a tutti il modo beffardo di condurre questa gara importantissima a danno del punteggio totale per il nostro Corridore Italiano. Onore a chi vince (anche se in modo poco professionale); di sicuro la gara del nostro “numero 46” resterà memorabile. “Si vince o si perde, resta da vedere se si vince o si perde da uomini” (Tony D’Amato nel film: “Ogni maledetta domenica”).

2 Novembre 2015: ricorrono i Morti

Giorno dei Morti 2015

Giorno dei Morti 2015

2 novembre 2015, il “Giorno dei Morti”. Quest’anno la vignetta ha privilegiato il loro “movimento” a piedi (invece che con i mezzi di trasporto). Di sicuro il pensiero è sempre rivolto a loro, verso esistenze che si muovono ormai soltanto dentro al nostro passato. Prima di andarsene alla loro “festa” hanno simpaticamente lasciato un cartello con scritto “Torniamo il 3 novembre”. Tornate a trovarci quando volete, in qualsiasi giorno e a qualsiasi ora: i nostri cuori hanno lasciato per voi la porta aperta. “Per la morte non c’è spazio, ma le vite volano e si aggiungono alle stelle nell’alto cielo” (Publio Virgilio Marone – Poeta romano)