Francia: la rivolta dei “Gilet Gialli”

Gilet Gialli La rivolta

Non è semplice sintetizzare in pochi segni ciò che rappresenta la cosidetta “Rivolta dei Gilet Gialli” in Francia e in Belgio. Il “Movimento dei Gilet Gialli” è un movimento di protesta sorto spontaneamente (prima sui social network) che ha provocato decine di scontri in queste nazioni; il simbolo è rappresentato da un giubbotto di emergenza con bande catarifrangenti (è quello che si usa quando una vettura si ferma per un incidente o un’emergenza). Purtroppo le contestazioni hanno portato devastazioni di vario tipo (a danno di beni architettonici e di proprietà private), blocchi in autostrada e molteplici scontri con le Forze dell’Ordine. La vignetta fa vedere un dimostrante che, a causa di un gesto eccessivo, fa crollare col suo giubbotto una parte dell’Arco di Trionfo. Purtroppo ciò che resta del monumento è visibile. Mi auguro che questo esteso malcontento non degeneri (soprattutto in Francia e Belgio) in qualcosa di più profondo e pericoloso. “L’uomo deve elaborare per ogni conflitto umano un metodo che rifiuti la vendetta, l’aggressione, la rappresaglia. Il fondamento di un tale metodo è l’amore” (Martin Luther King).