Terapia genica

Terapia genica

Ho voluto illustrare la “terapia genica” sperimentale (sostituita con la parola vaccino), mettendo in risalto quanto possa essere pericolosa l’inoculazione di dosi di un preparato contenente un patogeno (sia pur attenuato) all’interno del corpo umano. Abbiamo uno storico di poco tempo; nessuno sa cosa avverrà nei prossimi tempi dopo l’assunzione della terapia genica in corso. La scienza si espone meno della politica: infatti i “saccenti di turno” di ogni colore propagandano con perseveranza di affrontare la terapia genica. L’unica pecora che ha lo scudo che piega l’ago della siringa deve essere nera perché i non vaccinati sono simili agli untori manzoniani: ma se il vaccino funziona…quale paura deve avere un vaccinato? Tra le persone che si incontrano la domanda più frequente è: “Il vaccino…lo hai fatto?”. Il disegno è eloquente, quindi rispondo solo con quest’ultimo. Sinceramente sono molto stanco di ascoltare i canali nazionali e non, stracolmi di trasmissioni nei quali “gli esperti” (SENZA ALCUN CONTRADDITTORIO) continuano ad eseguire approfonditi lavaggi del cervello. Andando ad approfondire le argomentazioni sulla terapia genica su altri canali (soprannominati “di controinformazione”…forse la in quest’ultimi si cerca di capire meglio quale sia la verità; giornalmente molte dichiarazioni e ricerche pubblicate su You Tube come video  vengono cancellati perché evidenziano moltissimi punti oscuri. Io altrettante domande me le sono poste. Alla base di tutto prevalgono gli enormi interessi economici delle “big pharma”. Per ora non me la sento di essere una cavia: rispetto la distanza, indosso la mascherina FFP2 e non partecipo a cene, banchetti e apericene. Non giudico chi lo fa, è una sua scelta. Non giudico chi non lo fa: è una sua scelta. “La libertà non sta nello scegliere tra bianco e nero, ma nel sottrarsi a questa scelta prescritta” (Theodor W. Adorno – Filosofo, sociologo, musicologo, accademico e musicista tedesco; 1903 – 1969).

Condividi